Area a libero servizio: un esempio di riqualificazione

  • 3 min read

Un progetto di visual merchandising per riqualificare l’area a libero servizio della farmacia San Giuseppe di Cassola (VI).

Sfruttate a pieno le possibilità espositive dell’area a libero servizio della vostra farmacia? Forse non è una domanda che ci si pone spesso, però è importante. Una buona esposizione renderà la tua farmacia più redditizia. Un buon progetto di Visual Merchandising è, dunque, fondamentale per spingere una farmacia al massimo delle sue potenzialità. Nelle seguenti righe vi esporremo il progetto che Now ha realizzato nella farmacia San Giuseppe di Cassola (VI), del Dottor Giovanni Scaroni. Potete trovare tutti gli step che seguiamo in un progetto, come lavoriamo sul campo., ciò che per noi significa “farmacia performante”.

Area a libero servizio della farmacia San Giuseppe, prima e dopo

Da dove siamo partiti

Assortimenti cresciuti nel tempo e troppi espositori da terra hanno spinto il Dottor Scaroni a puntare su un progetto di riqualificazione dell’area espositiva con un progetto di visual merchandising che sfruttasse le strutture espositive esistenti e la presenza delle colonne nella parte centrale della farmacia.

L’Architetto Beretta – responsabile VM di Now – attraverso un’analisi del sell-out ha identificato le BU della farmacia assegnando i metri lineari espositivi necessari. La nuova sequenza delle BU all’interno del lay-out, ha permesso di rendere più chiara l’esposizione dei prodotti; coinvolgendo i clienti in un percorso con maggiore visibilità sui prodotti.

Le Business Unit dell’area a libero servizio

Sono state create 3 nuove BU: Nuvola Argento, Promozioni e Stagionalità.

L’Infanzia, all’interno della BU Family,  ha richiesto un incremento di circa 6 metri lineari espositivi ricavati attrezzando la colonna con ripiani e appenderia

Promozioni e stagionalità sono state evidenziate nella zona prima del banco farmaci e ricette sfruttando la presenza di una colonna che ha accolto gli assortimenti relativi ai solari e all’igiene mani.

I metri lineari espositivi sono passati da 154 a 184, l’intervento ha permesso di eliminare una decina di espositori da terra facendo rientrare i prodotti nei category di appartenenza, liberando l’area centrale ed offrendo maggiore visibilità dai banchi verso l’ingresso.

Gli step del progetto:

  • Analisi dei dati di sell-out per la definizione delle Business Unit della farmacia.
  • Studio del progetto di VM sfruttando le strutture espositive esistenti.
  • Inserimento della comunicazione di primo livello sulla base della brand identity esistente della farmacia.
  • Definizione dei category ed allestimento prodotto.
  • Inserimento delle reglette, stampa ed esposizione dei prezzi e dei tags relativi alle promozioni ed alle offerte relative alla carta fedeltà della farmacia.

Per concludere vi diciamo che Visual Merchandising non fa rima solo con redditività. Infatti gli interventi come questo generano un ordine generale dell’esposizione; quindi, sarà più gestibile in futuro. L’ultimo consiglio che vogliamo darvi è quello di dare sempre un occhio alla stagionalità. Fate attenzione ai bisogni dei vostri pazienti/clienti, esporre un po’ di tutto non è sempre la migliore delle scelte, alle volte specializzarsi su alcuni ambiti risulta vincente!

Seguici!